“A Vision for a Nation”: gli occhiali per fare del bene

“A Vision for a Nation”: gli occhiali per fare del bene
da in Occhiali Da Vista, Primo Piano, ottica
Ultimo aggiornamento:

    avision

    Oggetti da collezione, accessori di stile, complementi di moda: gli occhiali hanno assunto tutte queste funzioni nella vita di tutti i giorni. Ma ci sono paesi nel mondo in cui un occhiale è un semplice occhiale. E dove un semplice occhiale, che sia innanzitutto funzionale prima che un semplice accessorio frivolo, può fare la differenza. Un esempio? Il Ruanda.

    Secondo una statistica, il 40% della popolazione mondiale necessita di un paio di occhiali da vista, ma nei paesi del terzo mondo, dove spesso la priorità va a bisogni medici ben più urgenti, non è sempre possibile curare problemi di ottica anche visto che si stima ci sia un ottico ogni milione di persone.

    Ma il bisogno di cure ottiche rimane: come ovviare a questo problema? La soluzione viene dal professor Joshua Silver dell’Università di Oxford che ha inventato uno speciale tipo di occhiale che potrebbe essere di grande aiuto nella soluzione di questo problema. Un po’ come per gli occhiali correntemente in sperimentazione alla Nasa, il professore ha sviluppato una montatura da vista la cui gradazione può essere impostata grazie a un composto liquido nelle lenti.

    Con due piccole siringhe, poste sulle asticelle della montatura, la persona che indosserà gli occhiali potrà regolare la gradazione delle lenti fino a raggiungerne una ottimale per il proprio difetto di vista.

    Il tentativo di distribuzione di questi occhiali nei paesi del terzo mondo ha dato vita ad un’associazione no profit, Adaptive Eyewear, ed a un progetto, chiamato appunto “A Vision for a Nation“, che si propone, tramite donazioni e investimenti, di aiutare il terzo mondo a vedere meglio grazie a questi occhiali e a visite ottiche pagate dall’associazione.

    353

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Occhiali Da VistaPrimo Pianoottica
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI