Lanvin: gli occhiali da sole aviator 2010

da , il

    occhiali-da-sole-lanvin-2010

    Come abbiamo già detto moltissime volte sin dalla nascita di questo blog, dalle nuovissime collezioni eyewear primavera-estate 2010 non possiamo fare altro che notare un grandissimo ritorno al passato con atmosfere e forme tipiche degli anni ’50-’60-’70-’80 con montature chic, oversize e bon ton per lei, declinate in diversi colori che vanno dal nero, sempre di grandissimo effetto, a colori più particolari come il color miele o il beige. Per lui, come abbiamo potuto notare pochi giorni fa all’interno dell’articolo sulle tendenze moda uomo 2010, c’è un grande ritorno alle atmosfere soprattutto anni ’80 con montature davvero uniche ed inimitabili.

    A proposito di montature anni ’80 e di ritorno allo stile vintage e retrò di qualche decennio fa, oggi vi voglio presentare un paio di occhiali da sole davvero interessanti che piaceranno di sicuro a tutte le amanti di uno stile sicuramente d’altri tempi, comodo, pratico e sempre di grandissima tendenza.

    Gli occhiali che vi propongo oggi fanno parte dell’ultimissima collezione di occhiali da sole primavera-estate 2010 ideata e realizzata da Lanvin, famosissima maison francese nata nel lontano 1885 dall’estro e dal genio di Jeanne Lanvin, nata come piccola bottega di abbigliamento per donne e bambine, si è poi espansa fino a diventare una vera e proporia casa di moda conosciuta a livello mondiale per le sue creazioni di abbigliamento, accessori e profumi.

    Il modello che vi propongo è molto semplice, ma di sicuro di grandissimo impatto e riscuoterà un grandissimo successo fra tutte le amanti dello stile vintage con qualche tocco di originalità ed eccentricità in più che non fa mai male. Si tratta di un modello aviator, con di base una montatura a goccia leopardata e lenti sfumate, arricchita da una doppia montatura che crea un effetto legno molto particolare ed accattivante.

    Un paio di occhiali da sole davvero particolare che suciterà sicuramente la curiosità di tutte le fashion victims.